VIA CAVONI 146 - 03100 FROSINONE info@artisticamente.net 3478994688

I nostri progetti

LABORATORIO DI FUSION GLASS

Il laboratorio creativo del vetro e graffiti offre strumenti, mezzi e tecniche; permette il contatto con le emozioni e le loro sfumature che vengono così riconosciute e coinvolte nella realizzazione di un progetto.

Rappresenta una valida iniziativa che permette ai partecipanti di esprimersi liberamente e che permette ai partecipanti di raggiungere i seguenti obiettivi:

  • Sviluppa la creatività mediante l’utilizzo di tutti i sensi;
  • Matura le capacità percettive;
  • Sviluppa del senso di autostima;
  • Scarica l’aggressività;
  • Sviluppa la sensibilità;
  • Sviluppa la manualità.

LABORATORIO DI MUSICOTERAPIA

La Federazione Mondiale di Musicoterapia (WFMT) fornisce un’indicazione chiara circa la musicoterapia, afferma infatti che:

“La musicoterapia è l’uso della musica e/o degli elementi musicali (suono, ritmo, melodia e armonia) da parte di un musicoterapista qualificato, con un singolo o un gruppo, in un processo atto a facilitare e favorire la comunicazione, la relazione, l’apprendimento, la motricità, l’espressione, l’organizzazione e altri rilevanti obiettivi terapeutici, al fine di soddisfare le sue necessità fisiche, emozionali, mentali, sociali e cognitive. La MT mira a sviluppare le funzioni potenziali e/o residue dell’individuo in modo tale che esso possa meglio realizzare l’integrazione intra e interpersonale e, di conseguenza, possa migliorare la qualità della propria vita grazie ad un processo preventivo, riabilitativo o terapeutico”.

Gli obiettivi generici del laboratorio che progetto sono:

  • Migliorare gli aspetti che influiscono sulla motivazione e sull’autostima del soggetto diversamente abile;
  • Potenziare le capacità fisiologiche e psicologiche;
  • Rafforza le relazioni interpersonali;
  • Acquisire il ritmo dei brani musicali.

 

Il laboratorio di musicoterapia consentirà di raggiungere ulteriori obiettivi, che in questo caso definiremo specifici poiché permetteranno ai partecipanti che aderiscono all’iniziativa di:

  • Accrescere la consapevolezza di sé (fisica, emotiva, intellettuale e sociale) e dell’ambiente fisico;
  • Incrementare le abilità scolastiche;
  • Rilassare il tono muscolare e quindi permette di scaricare le tensioni emotive;
  • Acquisire la concentrazione laddove è molto difficile;
  • Aumentare la creatività;
  • Stimolare le aree ritmiche del cervello e di effetto anche con l’avere sia risposte motorie che riflesse;

 LABORATORIO DI AUTONOMIA SOCIALE

In questo laboratorio si propone agli ospiti un’esperienza di vita simile a quella esistente in ambito familiare poiché andranno a fare la spesa con l’aiuto delle educatrici, verranno coinvolti nella preparazione del pranzo (qualora sarà si dovesse presentare l’occasione anche della colazione) e saranno inviati a mantenere pulita la struttura, sia all’interno (cucina, il soggiorno, i bagni) che all’esterno. Tali pulizie non solo verranno effettuate in uno specifico giorno della settimana ma anche al termine di ogni attività.

Il seguente laboratorio ovviamente ha l’obiettivo di promuovere la capacità di autogestione con il fine ultimo di sviluppare e garantire l’autonomia personale e sociale dei diversamente abili, tale da non richiedere la presenza di operatori in maniera continuativa.

Nel periodo estivo, ovviamente nelle prime ore della giornata, le attività si realizzeranno anche all’esterno della struttura. I ragazzi si recano nel retro dell’immobile per coltivare e raccogliere i frutti dell’orto. L’orto didattico nasce con l’intendo di offrire alcuni importanti benefici ai disabili, infatti:

  • Sviluppa il concetto del “prendersi cura di”;
  • Sviluppa la manualità;
  • Consente di lavorare in gruppo;
  • Imparano a prendersi cura del proprio territorio;
  • Fornisce una corretta e sana alimentazione poiché il raccolto verrà cotto e consumato durante il pranzo.

 

LABORATORIO DI BIJOUX

Nel suddetto si apprendono le tecniche per la realizzazione di collane, bracciali, orecchini, anelli; Si lavorerà con semilavorati metallici, con ciondoli e con le perline.

 

Il seguente laboratorio permetterà ai ragazzi di trarre alcuni benefici quali lo sviluppo della manualità, della creatività e svilupperà in loro anche la gratificazione personale. Tale soddisfazione emergerà sia nel momento in cui i ragazzi vedranno il prodotto finito ma anche quando verrà venduto. Si sottolinea che tale vendita verrà effettuata dai ragazzi in collaborazione con i propri genitori e i volontari il ricavato verrà successivamente utilizzato per acquistare altro materiale e promuovere altri laboratori.

Grazie alle attività che sono state programmate e che sono tuttora realizzate all’interno del nostro progetto, il diversamente abile ha avuto e ha la possibilità di integrarsi pienamente nel tessuto sociale, culturale ed economico di appartenenza. Questo è possibile grazie ai prodotti e gli oggetti che ogni giorno sono realizzati nei laboratori.

Tuttavia l’Associazione non solo permette agli ospiti di frequentare i laboratori su descritti poiché pianifica anche alcune attività e propone alcune iniziative che avranno luogo all’esterno della struttura, infatti organizza gite giornaliere, soggiorni presso località turistiche e hanno l’opportunità di partecipare al corso di nuoto.

 

LABORATORIO TEATRALE

In questo progetto i partecipanti sono invitati a cooperare per la realizzazione di un obiettivo comune: la creazione di uno spettacolo teatrale.

Nel seguente laboratorio i disabili si allontanano da un tipo di copione preconfezionato, infatti avranno l’opportunità di mettere in scena il loro intrinseci valori artistici, nonché le loro capacità e potenzialità, fino a oltrepassare i confini della disabilità.

Il teatro ha una funzione terapeutica, è un mezzo di espressione e scoperta, che viene utilizzato per accompagnare i ragazzi a:

  • Lavorare sulle emozioni e sulle loro possibili espressioni;
  • Instaurare relazioni interpersonali e di cooperazione;
  • Acquisire maggior conoscenza di sé e della propria identità;
  • Liberare, potenziare la creatività e acquisire maggior consapevolezza sulle proprie potenzialità
  • Scoprire e sviluppare le potenzialità espressive del proprio corpo;
  • Accrescere l’empatia;
  • Lavorare sulla dizione e sull’essenzialità dei movimenti come mezzi di espressione.

 

Dopo aver elaborato il copione i ragazzi si esibiranno nelle piazze. Questo permetterà non solo agli stessi di esibire le proprie potenzialità e capacità; ma sarà anche una valida occasione per abbattere le barriere mentali e culturali della collettività.

ATTIVITA’ SPORTIVE

Come abbiamo precedentemente notato, l’associazione offre agli ospiti l’opportunità di partecipare a molte attività, tuttavia la suddetta ha pensato bene di organizzare anche delle attività sportive che necessariamente avranno luogo all’esterno della struttura (nuoto, tiro con l’arco, equitazione, golf).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come sappiamo le seguenti attività sono fondamentali perché incidono sulla condizione psico-fisica, offrono la possibilità di migliorare la conoscenza del proprio corpo, aumentano la propria autonomia, sprona l’impegno durante gli allenamenti. Tuttavia non dobbiamo dimenticarci che lo sport favorisce anche la socializzazione, l’aggregazione e integrazione sociale.

ATTIVITA’ DIDATTICHE

Come previsto nel calendario gli ospiti verranno coinvolti nello svolgere alcune attività didattiche e quindi alcuni esercizi di italiano, di matematica. Come si può immaginare, tale attività vuole preservare e continuare a sviluppare le competenze.

 

LABORATORIO di CERAMICA

Favorisce lo sviluppo e l’esercizio della creatività, offrendo un momento strutturato di condivisione, socializzazione e libera espressione creativa della propria interiorità e avviando un processo di ristrutturazione ed interiorizzazione della realtà. Gli operatori, stimoleranno e supporteranno i ragazzi nel processo di ideazione, manipolazione e realizzazione di oggetti con l’argilla.

Il laboratorio di ceramica persegue precisi ed importanti obiettivi:

  • Sviluppo di capacità creativo manuali con lo scopo di permettere, negli utenti, il processo di acquisizione delle tecniche di manipolazione, decorazione e creazione di manufatti in argilla. Ciò rende possibile, agli utenti, il rivelamento delle personali attitudini e modalità di espressione creativo – immaginativa, favorendo una più positiva percezione di sé e una maggiore gratificazione personale, con aumento, così, del livello di autostima;
  • Terapia occupazionale per potenziare, negli utenti, le personali capacità manuali, organizzative, lavorative sperimentate in un ambiente protetto, dove l’utente dispone del tempo e dello spazio necessari all’espressione delle proprie capacità, della gestione delle proprie ansie, dei vissuti emotivi, condividendo con gli altri tali sensazioni;
  • Conoscenza. Gli utenti conosceranno i vari materiali, gli strumenti e le attrezzature atte alle attività di ceramica, nonché le varie tecniche di decorazione.

 

LABORATORIO di CUCINA

Per l’apprendimento di compiti adattivi, nell’ambito dell’allestimento e preparazione di pietanze, attraverso procedure che sono indispensabili per un normale svolgimento della vita quotidiana.

In questo laboratorio, i ragazzi, diventeranno capaci e autonomi, nel provvedere a preparare ciò che serve per soddisfare i loro bisogni di fame. Queste sono attività che richiedono capacità di conoscenza e programmazione dei singoli passaggi e capacità di concretizzazione degli stessi (abilità manuali), ciò significa che, essi saranno in grado di conoscere quali ingredienti servono per la ricetta, dove andare a comprarli, pesare le giuste quantità degli stessi, eseguire la sequenza corretta nell’ordine di passaggi, per avere il risultato culinario finale.

I laboratori di autonomia personale, domestica e di cucina perseguono importanti obiettivi:

  • Potenziare e/o mantenere le abilità adattive e funzionali necessarie, alle persone con disabilità, nelle attività di vita quotidiana, diventando non passivi fruitori ma protagonisti attivi del loro svolgimento. · Contribuire a una migliore qualità della vita poiché, l’essere in grado di provvedere alla cura di sé e allo svolgimento di azioni di vita quotidiana, rende le persone disabili, autonome e indipendenti e con una migliore percezione di sé e delle proprie capacità.

 

GOLF TERAPY

 Quando parliamo di golf, abbiamo in mente luoghi incantati, spazi verdi e bella gente. A nessuno verrebbe mai in mente di associare il golf al concetto si sport terapia, soprattutto per i diversamente abili.

La pratica di attività sportive di gruppo è una degli approcci più idonei per l’integrazione sociale dei portatori di hd e per un loro pieno recupero alla vita attiva nei suoi vari momenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il golf, dando la possibilità di formare team di gioco in cui i portatori di hd e normodotati sono accomunati nel divertimento e nella competizione , concretizza quelle opportunità di comunicare e socializzare che danno al diversamente abile,   pur nella coscienza dei propri limiti, la piena consapevolezza delle proprie potenzialità e capacità fisiche che sono sempre maggiori di quanto si possa immaginare.

Il golf è uno dei pochi sport che i disabili possono praticare con i normodotati gareggiando a condizioni paritarie grazie ad opportune regole ed al fatto che il gioco viene praticato con ritmi moderati ed i movimenti richiesti non richiedono particolari sforzi fisici.

L’accessibilità al percorso di golf nella sua globalità e resa possibile ai disabili fisici, con problemi di deambulazione già ampiamente sperimentati e accettati sui percorsi di golf internazionali.

Obiettivi generali

  • Trasmettere una cultura ambientale che attraverso l’osservazione, la rappresentazione , la pratica sportiva e lo studio dell’ambiente naturale, culturale e sociale educhi alla conservazione dei beni naturali
  • Padroneggiare abilità motorie di base
  • Partecipare alle attività di gioco sport rispettando le regole

 

Obiettivi  Specifici

  • Affinare lo schema motorio della postura
  • Migliorare la percezione dello spazio
  • Sviluppare le capacità coordinative generali e in particolare oculo –manuali
  • Sviluppare qualità personali come l’autostima sicurezza, determinazione, l’autocontrollo.
  • Sviluppare comportamenti relazionali positivi.
  • Osservazione e memorizzazione dello spazio e dei particolari

 

 

NUOTO

Il progetto  nasce dall’idea che la pratica del nuoto possa contribuire al benessere generale della persona disabile.

Un tuffo in piscina, una nuotata  sono normalmente sinonimi di piacevolezza e rilassamento,ma nel caso in cui a fruire di questa opportunità sia un disabile grave, questi momenti assumono una valenza particolare e, con l’aiuto di un insegnante di nuoto specializzato, si trasformeranno in un vera e propria situazione di benessere e terapia.

L’abbraccio rassicurante dell’acqua ha un effetto calmante, cancella eventuali stati di tensione e ansia tipici di certe patologie e svolge , attraverso esercizi mirati, un altrettanto importante azione terapeutica su muscoli, ossa e articolazioni .Sono ormai noti  gli effetti benefici  del nuoto, o dell’acquaticità in generale , su ragazzi autistici o con disturbi generalizzati dello sviluppo.

L’acqua:

  • facilita il mantenimento dell’attenzione condivisa e congiunta,
  • offre intense stimolazioni sensoriali;
  • facilita la gestione degli aspetti emotivi offrendo contenimento emotivo;
  • facilita la gestione dei disturbi comportamentali (aggressività, stereotipie);
  • aumenta il contatto oculare;
  • favorisce l’integrazione sociale;
  • stimola il desiderio di esplorazione;
  • promuove l’accrescimento dell’autostima, quando viene conquistata l’autonomia di movimento in acqua;
  • stimola le capacità di coordinamento motorio.

 

 

Obiettivi:

 

  • Favorire il benessere fisico: in acqua il soggetto disabile ha la possibilità di sperimentare posture e motricità spesso nuove rispetto a quelle che gli sono consentite abitualmente sul piano terreno; nella vasca egli può assumere la posizione eretta e provare a deambulare, è in grado di controllare con più facilità il capo e di muoversi con maggiore agio. In acqua alta, sostenuto da appositi ausili, può tentare l’immersione, controllare la respirazione, sperimentare lo sviluppo e la coordinazione oculo-manuale.
  • Aumentare l’autonomia: favorire il raggiungimento del più alto grado di autonomia nel prepararsi, nella gestione della propria persona, nelle scelte degli oggetti e del materiale con cui relazionarsi.
  • Favorire l’esperienza cognitiva: in acqua l’apprendimento avviene attraverso la pratica e il gioco ed il ragazzo con disabilità si sente protagonista del proprio agire, è in grado di strutturare una positiva immagine di sé, vive momenti di successo che gli permettono di alimentare la fiducia in se stesso, pur nei limiti della propria patologia. Le ampie possibilità di movimento offerte dall’ambiente acquatico favoriscono, soprattutto nel bambino, lo sviluppo psicomotorio, cognitivo e sensoriale in quanto inducono nel soggetto una maggiore partecipazione attiva e spontanea che lo predispone a innumerevoli apprendimenti. Il miglioramento del livello di autonomia del bambino e dell’adulto passa sia attraverso le attività in acqua sia nello spogliatoio, queste esperienze favoriscono il potenziamento dell’organizzazione mentale e delle acquisizioni di tipo cognitivo.

 

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO/ORTO TERAPIA

L’alternanza scuola/lavoro intende fornire ai giovani, oltre alle conoscenze di base, quelle competenze necessarie a inserirsi nel mercato del lavoro. L’alternanza intende integrare il sistema del lavoro attraverso una collaborazione produttiva tra i diversi ambiti, con la finalità di creare un luogo dedicato all’apprendimento in cui i ragazzi siano in grado di imparare concretamente gli strumenti del “mestiere” in modo responsabile e autonomo. Per i ragazzi rappresenta un’opportunità di crescita e di inserimento futuro nel mercato del lavoro.

Obiettivi del progetto:

  • Supportare i ragazzi facendoli sentire al centro dell’interesse della collettività e attori protagonisti del proprio futuro
  • Coinvolgere i ragazzi disabili o in condizione di emarginazione sociale ad esperienze di rieducazione  funzionale  e  di  lavoro
  • Favorire l’integrazione personale e professionale dei ragazzi in una squadra di lavoro
  • Valutare ed arricchire le competenze dei ragazzi
  • Far conoscere gli aspetti e le peculiarità dell’organizzazione e del funzionamento del lavoro in senso lato
  • Favorire l’apprendimento operativo delle competenze tecniche attraverso la supervisione di professionisti che li guideranno e li supporteranno durante il periodo progettuale
  • Promuovere l’apprendimento operativo delle competenze tecniche attraverso lo svolgimento di attività pratiche che permettano ai partecipanti di acquisire, maturare e consolidare nel tempo conoscenze e abilità professionali
  • Sviluppare competenze e abilità professionali riconducibili alle relazioni nei vari e diversi luoghi di lavoro.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi